“Giuvanne di Castelcivita”

 

“ ‘A distanza tra lu punto A e lu punto B s’ammesura cu la vitamina C!” Questa era una delle massime di Giovanni Santoro, un “indigeno-scemo del villaggio” di Castelcivita, un piccolissimo borgo del Cilento, in provincia di Salerno, “appeso” in collina, a ridosso dei Monti Alburni e conosciuto per le grotte, il più esteso complesso speleologico dell’Italia meridionale. Tutti lo chiamavano “Giuvanne ‘u scemuliddu” e lui stesso dichiarava che “tenia la capa a li vintun’ore”. Alto e magro, con uno sguardo stralunato, aveva un naso pronunciato ed adunco ed una bocca larga dalle labbra sottili. Una specie di “Antonio Ligabue” locale, dunque, senza capacità pittoriche, ma con certe sue doti di genialità da “border line”. Quand’era un bambino, negli anni venti, aveva avuto la menengite, e, poichè allora la medicina non aveva ancora compiuto molti progressi ed il paese viveva nell’arretratezza, il soggetto in questione era stato curato in maniera molto approssimativa. Pezze di acqua gelata in testa, “asprinia”, “broro cavero”, preghiere e scongiuri “scacciadiavoli” ed altri rimedi primitivi crearono solo delle illusioni di lievi migliorie per genitori e parenti.

   Il Santoro rimase orfano di padre e alla fine degli anni sessanta, viveva con la vecchia madre che lo accudiva con tanta dedizione.

La gente gli chiedeva : “ Ueh,

Giuva’, mammete te li lava sempe li panne?”

     “Sicuracertamente! Mamma’ li lava , li asciutta e li stira.”

     “E tu nun fai niente?”

     “Come no! Il sottoscritto qua prisente quanno ce stanno li panne spase a lu sole, allucca e fa lu tifo…”Vai sole, vai facile, scarfa scarfa scarfa assaje accussì li panne s’asciuttano ampresso! Perché questa è la formulazione giusta: fai lu tifo, nun ave’ cedimentazioni, ralle ‘ncuollo e otterraio quello che vorraio! ”

     Quando lo vedevano camminare in paese, portando una bicicletta “a mano” e gli chiedevano perché non ci salisse sopra, Giuvanne rispondeva che anche il mezzo a due ruote aveva il diritto di farsi la sua passeggiata in libertà. E poi, ad ogni occasione, non tralasciava di rievocare la sua storica caduta con la bicicletta quando aveva tredici anni. “Vuje avita sape’,” ripeteva sempre a chi gli stava attorno “ca quanno io tenia trirece anne ‘nu juorno cariette cu li ddoje rote ‘int’a ‘nu fuosso ca era largo comme a lu Vallo re Diano!”

     Non potevano mancare ovviamente le riflessioni e le dichiarazioni che Giuvanne faceva sulle grotte. Per lui erano “ li pertusi de lu Pataterno”.

     Egli “sentiva delle voci” che provenivano dalle grotte ed affermava che erano “quasi l’istesse come a chelle ca m’avotano ‘int’a la capa”.

     Quando s’emozionava e s’infervorava in certe discussioni affermava: “Li stalattattiti e li stallallagmiti so’ ‘nu miracolo re la natura. Io sottoscritto Giuvanne Santoro stonco in comunicazione cu li spiriti e li “scazzamaurieddi” ca stanno re casa lloco dinto, mi stitstimano e me vonno bene. E m’addimannano sempe ‘o favore ‘e fa’ sape’ a li visitanti/turistieri ca nun hanna fa’ troppo burdello quanno traseno.”

……Scavo nella mente, altri facezie, altri episodi, altri ricordi riguardanti “Giuvanne di Castelcivita”, non affiorano, non ritornano alla luce. Peccato, pazienza, resto fermo qua. Mi auguro almeno che, dopo la sua dipartita, gli riserveranno un posto lassù, con la qualifica ed il titolo di “Giuvanne lu scemuliddu de lu Paravisu”.

 

                         Carlo Giarletta    

        

 

 


Contatto

Non avete il permesso per visualizzare il contatto
"Giuvanne di Castelcivita"

Back to top