RICORDO DI ISTANBUL

                    Il vestito della città muta,

                     gli artefici del cambiamento son le stagioni

                     e veli bianchi e rossi

                     di fiori di pesco,

                     albicocco e pruno ondeggiano,

                    raso vellutato dopo il prepotente sboccio.

                     E’ invasione della primavera ottomana,

                     monella con l’ombelico occupato da una gemma,

                     adolescente con l’assetato bacino di sensualità,

                     lei che va a leccare persino le crespate onde,

                     la spuma gioiosa del Mar di Marmara,

                     e poi appagata tonifica dolcemente il Corno d’Oro,

                     mentre la purpurea trasparenza all’orizzonte esplode,

                     scolpisce a pieno raggio il tramonto sul Bosforo.

                     Strade, bazar pullulanti indaffarati,

                     determinano il formicolio di vita,

                     quell’andirivieni che muove i discendenti di Maometto secondo;…

                     un pulviscolo esotico attraversa immaginari setacci,

                     fantastici inverosimili filtri di mistero,

                     cade sulle moschee,

                     sui minareti

                     e compone il fascinoso,

                     l’alone mistico-orientaleggiante che avvolge,

                     caldo-abbraccia i fremiti della Mezzaluna.

                     Andature lente di asini

                       nei variopinti mercati vocianti in periferia,

                       gusti, effluvi e turgidi corposi umori e sagome

                       di cordami, mani e ceste d’artigiani,

                       di nocciole, dolciumi e bevande raki,

                      dipanano storie comuni ed epiche,

                       vicende imbastite sul gioco nazionale dei dadi,

                       e sulle pluripreghiere quotidiane

                       altogridate dai ministri del culto.

                       E consapevole matura comproprietaria di casa,

                       la vicina matrice europea occhieggia,

                       prende a braccetto l’Islam,

                       e lo porta a passeggio sulle vie possibili,

                       gli auspici accoppiati dell’incontro e scontro   pacifico,

                       lì dove si rinnova il patto della convivenza,

                       la limpida gratificazione etnica,

                       assemblata Oriente-Occidente.            


Contatto

Non avete il permesso per visualizzare il contatto
nopic

Back to top