L’APPROCCIO AL BLUES NELLA MUSICA CHE SUONO

“Tengo sempre un piede ben saldo nella tradizione blues, anche quando suono musica più commerciale. Il blues è dentro di me”.. Questa frase è di Eric Clapton.... da grande fan di Slowhand ne condivido ogni parola…

Nella mia esperienza di chitarrista ho visto e sentito il blues come punto di riferimento nel mio modo di suonare, e devo dire che tale essenza nell’aria è maggiormente sentita non solo dal sottoscritto che lo mette in pratica ma da chi ascolta la mia musica quando calco le scene.

Il blues ha radici lontanissime ed oltre un secolo di vita, tratta della schiavitù dei neri d’America nei campi di cotone, di amori perduti, del disagio sociale e persino della morte, una tristezza mista a un ritmo cadenzato e preciso che la rende meno triste di ciò che è in quanto tale ed ancora oggi è attualissima ed ascoltata anche in un momento di grande crisi come quello che stiamo vivendo senza alcuna differenza “generazionale”.

Bastano pochi giri di accordi (3 o 4 al massimo), una base centrale di improvvisazione ed il gioco è fatto.. ne nasce la musica.. o meglio.. l’anima della musica…. È grazie a personaggi come Robert Johnson o B.B. King che una tale filosofia ha avuto diffusione quasi mondiale. Artisti come Eric Clapton o Rory Gallagher o Gary Moore (per citarne alcuni) ne hanno segnato la prosecuzione diffondendone il verbo alle future generazioni.. e bisogna dire grazie anche a loro ovviamente….

Attingo dal blues ogni singola nota ed ogni singolo ritmo trascinando questo “credo” anche in ambiti musicali come il rock o il pop o il funk perchè ritengo siano una costola del blues in fondo. Pur suonando praticamente di tutto è dal blues che ne traggo il nutrimento.

Negli ultimi anni il blues ha avuto una rinascita nella mia Puglia e a Bitonto (BA), ogni estate viene organizzato il BITONTO BLUES FESTIVAL, che raccoglie performance di artisti che fanno di questa musica la loro bandiera. Nella Piazza Cattedrale (luogo della manifestazione) si concentra un numero impressionante di visitatori, persino chi non ha mai ascoltato il blues lo segue e lo apprezza. Tali kermesse si stanno diffondendo un po’ in tutta Italia richiamando un numero sempre più grande di spettatori ed aumentandone l’interesse....

Direi una vera resurrezione…..

Biografia di Dario Slowbluesman Gay

http://www.lamiabiografia.it/index.php/biografie/1-biografie/52-dario-slowbluesman-gay


Contatto

Non avete il permesso per visualizzare il contatto
DARIO “SLOWBLUESMAN" GAY - L’APPROCCIO AL BLUESDARIO “SLOWBLUESMAN" GAY - L’APPROCCIO AL BLUESDARIO “SLOWBLUESMAN" GAY - L’APPROCCIO AL BLUES

Back to top